zona-corelli-milano-graffiti-street-art-6

 

 

 

 

 

 

 

I graffiti riempiono le città di colori ma, al tempo stesso, la danneggiano.

I writers amano disegnare ovunque, non importa che sia il muro di casa tua o il muro di una scuola o la metropolitana.

Allora perchè non facciamo in modo che loro possano dare sfogo alla fantasia,  disegnando su muri concessi dal comune?!

La mia idea è questa:

il comune concede uno spazio in zone di periferia (di muri disegnati male e di muri vuoti ce n’è a iosa) dove i writers possono liberamente disegnare con l’autorizzazione del comune stesso, magari pagando un importo davvero irrisorio per lo spazio di muro concesso (l’idea è per esempio di far pagare 1/2 euro per ogni metro quadro di muro concesso). In questo modo probabilmente limiteremmo il numero di tag o disegni “fuori luogo” e creeremmo dei veri e propri spazi per dar sfogo all’arte dei graffiti.

Si potrebbe anche stabilire che il disegno venga sostituito o coperto dopo un determinato periodo, ovviamente uguale per tutti, per dar spazio a nuove creazioni.

Esistono lavori davvero ben fatti che rendono caratteristiche alcune zone della città dandole un “colore”, una “forma”.

 

Buona giornata.

Cibo.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]