domenica , maggio 22 2022
Home / Cinema / Su Amazon Prime arriva “Lupo Bianco”: il primo film realizzato ai tempi del Covid

Su Amazon Prime arriva “Lupo Bianco”: il primo film realizzato ai tempi del Covid

E’ uscito  su Amazon Prime Video catalogo ufficiale  il film “Lupo Bianco”, la prima pellicola italiana che parla di covid e che è stata girata in piena emergenza sanitaria. Il film, prodotto da Antonio Chiaramonte, racconta la storia vera di Carlo Olmo, un filantropo di Vercelli che durante la prima ondata del coronavirus – grazie ai suoi contatti con la comunità cinese – è riuscito a recuperare migliaia di mascherine e a distribuirle alla popolazione, ai medici e agli infermieri quando i presidi erano introvabili.

Il film, scritto da Stephanie Genova e Alessandro Ferrara, è stato diretto da Tony Gangitano e ha trionfato all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia: nello spazio dedicato delle tematiche sociali si è aggiudicato il premio International Starlight Cinema Award. Un cast d’eccezione: nei panni di Carlo Olmo l’attore Sebastiano Somma, in quello di Angela (la compagna del protagonista) Morgana Forcella. Ma nel cast anche Remo Girone, Guia Jelo, Shi Yang Shi, Gaetano Aronica, Francesca Rettondini, Vincent Riotta, Andrea Zirio ,Gabriele Scopel, Rosario Petix e Maurizio Nicolosi . Inoltre si possono conoscere le meravigliose colonne sonore composte da Serena Rubini, Marco Giva, Silva Poy e Francesco Cilione che sono diventate il segno distintivo nel film del Lupo Bianco.

lupo bianco foto

Un film che ha fatto emozionare. Straordinaria l’esperienza umana di Carlo Olmo: l’uomo, nato a Lecco ma adottato da una famiglia di Vercelli, avvocato e maestro di arti marziali ha sempre posto al centro della sua vita l’amore per il prossimo. Quell’amore nel quale i suoi genitori adottivi lo avevano cresciuto, lui ha deciso di restituirlo alla collettività. Una generosità talmente grande che nel 2020 gli è valsa l’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana conferitagli dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

A ripercorrere la storia di questo film che ha toccato il cuore degli spettatori è il produttore Antonio Chiaramonte che fin da subito si è innamorato della figura di Carlo Olmo. “L’idea di fare questo film è nata per caso – racconta -. Tutto è nato, oltre che per una passione personale per la storia di Olmo, dall’idea di Diego Cammilleri che tramite il regista Tony Gangitano mi ha stimolato e convinto ad imbarcarmi in questa avventura in un periodo di riprese difficilissimo durante la pandemia del Covid”.

Il progetto era quello di fare arrivare il film nelle sale cinematografiche, ma il lungo lockdown e la riapertura solo recente e con ingressi contingentati, ha rivoluzionato i programmi. “Lupo Bianco” è un film speciale, che doveva essere visto da più persone possibili. “Abbiamo tenuto duro – prosegue il produttore siciliano – aspettando la riapertura delle sale anche perché pensiamo che questo film sia istruttivo e sia nato per la sala.  Ma purtroppo, come prevedevamo, le sale non si riempiono a causa delle restrizioni imposte dai vari governi, ma anche dalla paura di essere contagiati”.

Difficile pensare come sarà il mondo del cinema dopo il covid. Bisognerà aspettare ancora: la prova del nove arriverà a Natale. Nel frattempo i produttori si adeguano. “In questo momento i nostri film saranno pensati e prodotti per le piattaforme streaming grazie ad un accordo che CinemaSet è riuscita ad ottenere con Amazon Prime Video – precisa Chiaramonte -. Noi dobbiamo pensare che nel 2023 ci saranno ancora le conseguenze di quello che è stato pensato e prodotto nel pre-covid e quindi ci sarà da parte di molti produttori e delle Major americane la volontà di fare cassa. Molti film che potrebbero ancora andare in sala usciranno in streaming e vi assicuro che non è assolutamente semplice distribuire un film nel catalogo ufficiale di queste eccellenze nelle piattaforme   mondiali. L’incertezza del risultato delle sale a fronte di spese già sostenute e ancora da sostenere frena i produttori, che devono affrontare alti costi per una distribuzione cinematografica. Alla fine è meglio la certezza dello streaming.  La vera svolta mi auguro che arriverà nel 2023”.

Non si è fermata durante la pandemia producendo “Lupo Bianco”, non si ferma adesso che il mondo sta vivendo il dramma della guerra in Ucraina. Il  Cavaliere della Repubblica Carlo Olmo – “Lupo Bianco” – è stato invitato a parlare a Bruxelles, martedì 17 maggio 2022, al Parlamento Europeo durante le riunioni della Commissione Diritti Umani e della Commissione “Peti”. La massima istituzione europea è infatti venuta a conoscenza delle missioni intraprese, dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, fra marzo e aprile 2022. In più viaggi, l’avvocato Olmo ha consegnato 15 tonnellate di derrate alimentari e medicinali. Non solo. È riuscito a portare al sicuro in Italia 140 persone fra le quali 70 minori di cui 14 orfani di case famiglia.

Nel frattempo l’attenzione al sociale resta un punto fermo, non solo per il Cavaliere Olmo ma anche per la produzione nella vita di Chiaramonte. “Mi sto organizzando per ospitare e assumere artisti e maestranze ucraine nel mondo del cinema. Saranno pure piccoli gesti ma penso che questa iniziativa possa dare un suo contributo per sostenere questo Paese, e nel frattempo per far conoscere i suoi artisti e la loro storia. Mi auguro che il cinema possa dare un piccolo contributo in questo momento particolare e delicato che l’Ucraina sta attraversando”.

[Voti: 0   Media: 0/5]

About Maria

Leggi anche

bruno ganz

Morto l’attore Bruno Ganz, interpretò Hitler in ‘La Caduta’ del 2004

All’età di 77 anni se ne va Bruno Ganz, uno dei volti noti del cinema …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *